martedì 26 giugno 2012

Capitolo 12 (di Ferruccio Gianola)




Admiral City
San Antonio Canal
22 Aprile 2013
Ore 6.18 AM


Da quando era infetto Sniper poteva pensare. Angela Solheim non lo avrebbe mai creduto possibile: li aveva creati per eseguire ordini e null’altro. Ora invece il Golem era in grado di pensare e adesso che pensava si rendeva conto che non sopportava l’odore di sudore degli umani. Chi più chi meno lo emanavano e se lo portavano addosso tutti: maschi, femmine, bambini, supereroi o meno era una loro caratteristica in comune. Un odore che diventava ancora più forte e penetrante quando avevano a che fare con le emozioni. Emozioni che in certe situazioni rendevano il lezzo insopportabile.
Sniper, con i suoi sensori, aveva imparato a conoscerlo e a distinguerlo bene. Ma prima di essere infetto non aveva mai fatto delle considerazioni in merito.
Era piacevole pensare, pensò.
Adesso dall’odore di sudore era in grado di capire cosa stesse provando un essere umano. Una facoltà quasi da supereroi se non fosse stato fatto di calcio e ora, mentre lo osservava assorto, percepiva il coraggio sovrumano di Alexsej, benché non lo capisse.
Negli ultimi tempi si domandava spesso cosa significava vivere provando emozioni e la faccenda lo rendeva perplesso: che fosse dovuto anche questo a un effetto del virus immesso nei Golem da Mezzanotte?
«Allora, sei pronto?» chiese Alexsej.
Il Golem analizzò la domanda studiando le tre parole. Annusò Alexsej, prima di annuire.
Alexsej sorrise e il Golem si ritrasse. Il sorriso di Alexsej aveva cambiato le caratteristiche dell’odore di sudore.
«Vedo che non vuoi parlare! Sai dove si trova la Salazar Tower?»
Il Golem non rispose. Non lo sapeva. Era stolto e stupido e nessuno gli aveva mai parlato della Salazar Tower. Neppure il virus che gli era stato immesso in circolo gli aveva fornito delle informazioni in merito.
Avrebbe dovuto incontrare gli altri Golem per saperlo. Chissà se Blaster lo sapeva. Blaster non sudava.
Era bello non sudare, pensò.
«Davvero sei un cecchino?»
Alexsej lo guardava. L’odore di sudore adesso non era più così impregnante. Forse era un effetto causato dalla brezza che si era alzata in quel momento, colpa di un temporale in arrivo sulla città.
«Sono un cecchino» rispose, cercando di capire cosa stesse provando Alexsej.
Non era coraggio adesso.
Al robot pareva quasi che Alexsej si stesse rilassando un poco. Lo scontro doveva averlo affaticato. Pensò che fosse un buon momento per ucciderlo. Non capiva come mai non gli scattava l’impulso di farlo. Afferrò il fucile. Forse sarebbe bastato alzarlo e premere il grilletto, da quella distanza non avrebbe dovuto neppure prendere la mira.
«A che pensi amico?»
«Non sono tuo amico, sono un cecchino»
«Lo so, lo so, non puoi vivere senza fucile. Lo sento, siete in simbiosi, ma non sarai permaloso?»
«Sono un cecchino!»
«Lo hai già detto. Non saranno così anche i tuoi amici?»
Sniper percepì di nuovo una variazione nel sudore di Alexsej. Fastidio? Poi lo vide alzarsi: aveva gli anfibi slacciati e si muoveva in maniera goffa. Si domandò un’altra volta perché non gli arrivasse l’impulso di ucciderlo. Non avrebbe sbagliato con un colpo a bruciapelo.
Forse non toccava lui. Forse il virus di Mezzanotte aveva in mente qualcosa d’altro per lui. Si domandò a chi sarebbe toccato l’onore di uccidere Alexsej.
Blaster era della sua stessa classe, quindi il virus si sarebbe comportato allo stesso modo. Lo stesso valeva per Brawler. Non conosceva altri Golem diversi da lui.
Chissà se il virus avrebbe finito per trasformarlo in un essere umano. Con la forza che aveva sarebbe potuto diventare un supereroe.
«Detto tra noi, prima di andare mi farei una dormita… avrei bisogno di dormire un poco. Ma non c’è tempo. Voi non dormite mai?» chiese Alexsej, poi si ricordò della nenia del Golem. «Sì, sì, non dirlo… io sono un cecchino, ahaha.»
Il Golem non fece una piega. Guardò Alexsej, nel momento in cui il supereroe fu distratto da qualcosa. Forse da un rumore impercettibile.
Sniper non capì, percepì di nuovo una forte variazione nell’odore del sudore del supereroe, causato da un’emozione di piacere. Poi lo vide chinarsi e lo notò aprire il palmo della mano lentamente. Subito dopo scorse uno strano e piccolo essere con le ali posarsi sul palmo della mano di Alexsej.
Il Golem non aveva mai visto nulla di simile. L’essere era di colore rosso con dei piccoli puntini neri sul dorso.
«Sai che animale è?» gli chiese Alexsej
Il golem negò con il capo.
«E' una Coccinella. Si chiama Coccinella: è da sempre un simbolo legato alla fortuna, si dice che quando vola e si posa sul dito anulare indichi una prossima relazione d'amore o amicizia, quando si posa sul medio indica invece un’idea positiva che ci giunge. Siamo messi bene. Grazie a te e a questo piccolo animale generoso riusciremo a portare a termine la missione che ci hanno affidato. È bello avere degli amici!»
Il Golem non disse nulla, sì era bello avere amici, pensò.
- - -
Scarica Due minuti a Mezzanotte in formato ePub o in formato Mobi aggiornato di settimana in settimana! (Impaginato da Matteo Poropat)

36 commenti:

  1. Gran bel capitolo!
    Ottimo davvero! Era un po' quello che avevo in mente anche io questo cambio di ritmo...
    Adesso spero di non far addormentare tutti... :P
    Ancora complimenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s meno male che hai commentato perchè vedendo capitolo 12 e me 13esimo nella lista, pensavo d'essere il prossimo a dover scrivere. FFiiu! xD Ecco aspetterò ancora più ansiosamente il prossimo allora :)

      Elimina
  2. Ohh l'ho aspettato tanto questo capitolo :) Molto introspettivo poi, m'è piaciuto e hai pure preso bene la faccenda di Mezzanotte che spiava i laboratori di Angela... Adesso devo rileggermi un po' di cose indietro perchè mi sto scordando pezzi per continuare xo! :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho pensato a cosa fare ma non ero in grado di proseguire con l'azione di chi ha preceduto:-)

      Elimina
  3. Molto profondo questo capitolo, molto introspettivo. Un bel lavoro Ferruccio! :)

    RispondiElimina
  4. Mi spiace che Sniper sia diventato stolto e stupido, e che abbia cambiato personalità. :( Temo di non aver insistito abbastanza sui Golem all'interno del mio capitolo. XD
    Per i prossimi battitori: meno introspezione e più azione, ok? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha creato il bel po' di problemi il tuo golem, accidenti... avevo letto il tuo suggerimento nei commenti del tuo articolo, ma hai detto di fare quello che si voleva e mi sono basato sui golem veri e propri :-)

      Elimina
  5. Mi piace la "pausa di riflessione", un capitolo un po' più pacato dopo tutta questa azione ci voleva, complimenti. L'unica cosa, forse non ho capito io, ma il potere di Stakanov non è che non si stanca mai? Non dovrebbe aver bisogno di dormire...
    Ma sono piccolezze.
    Ancora complimenti!
    Il Moro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, quella frase credo sia detta per prendere in giro il golem (forse ogni tanto i supereroi vorrebbero essere normali come tutti) , però... mi stata suggerita dall'inconscio:-)

      Elimina
  6. Bello, mi piace la pausa introspettiva, e poi sia Alexsej che il golem sono ben caratterizzati.

    RispondiElimina
  7. Buon capitolo. Golem manipolati da mezzanotte con obiettivi precisi, "Si domandò a chi sarebbe toccato l’onore di uccidere Alexsej"? Chi prende la palla?

    RispondiElimina
  8. Bravo Ferru bel capitolo. Bella l'idea del golem infettato da mezzanotte che sviluppa l'autocoscienza e i sentimenti come effetto collaterale. Ancora una volta Stakanov ne esce molto bene, mostrandosi un personaggio con elementi in contrasto: eroico e simapticone, grezzo teppista ma dotato di emozioni, proprio come lo avevo pensato all'inizio, ottimo lavoro (anche se il mio giudizio è un po' di parte)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispondendo a il Moro: Stakanov si riposa come tutti i super, dopo che ha usato i suoi poteri per lungo tempo, mi pare che anche Libby in uno spin off abbia avuto problemi simili.

      Elimina
  9. Bene, una bella pausa ci voleva. Anche perché la caratterizzazione dei personaggi è fondamentale nello sviluppo di una trama così articolata. Mi è piaciuto, bravo Ferru :)

    RispondiElimina
  10. Dico la mia ;)
    Un capitolo totalmente introspettivo ci può anche stare, ma io suggerirei di non abusare di questa scelta (magari perché non si sa bene come riannodare i fili della trama).
    Ricordo che i capitoli a disposizione non sono infiniti. Le parentesi da chiudere man mano, al contrario, sono molte. Quindi direi di puntare decisi sulla storia (senza dimenticare la caratterizzazione dei personaggi,ovvio).
    Se avete dei dubbi su cosa e come scrivere nel vostro turno non abbiate timori a contattare chi vi ha preceduto per chiedere un parere.
    Siamo un'ottima squadra, non i competizione, bensì votata alla realizzazione di un lavoro comune, finora ottimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto naturalmente

      nel mio caso mi sono trovato proprio nella situazione di non sapere dove andare a sbattere:-)

      Elimina
  11. Bel capitolo Ferru, questo momento di pausa e di introspezione non mi è dispiaciuto.

    RispondiElimina
  12. Anche secondo me una pausa riflessiva ci voleva, contando che poi un lettore legge tutto di fila e magari può esser utile fargli prendere fiato dalla parte action. :)

    Rimane il fatto che ora occorre iniziare a far convergere la storia, visto che siamo oltre un terzo del totale. :)

    Quindi per me, bravo Ferru comunque. :)

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  13. Mi spiace rompere le scatole ma vedo scorrere la sabbia nella clessidra e con tutte le trame aperte che ci sono un capitolo così mi lascia un minimo con l'amaro in bocca.
    Ferru scrive bene e ci sa fare ma ci voleva un pò di movimento. No bad blood Ferru, OK?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Angelo, nessun problema e niente sangue cattivo, ci mancherebbe... ho provato a partire con l'azione ma ero completamente in crisi :-)

      Elimina
  14. Il capitolo mi è piaciuto un sacco, così come il cambio di direzione preso dai golem, ora infettati e al soldo di Mezzanotte.
    Mi rimane un dubbio, però: ormai ci sono tonnellate di cattivi e pochissimi buoni, com'è giusto che sia, ma forse non stanno diventando troppi?
    Ok, ho detto la mia e mi ritiro.
    Complimenti Ferru, gran bel capitolo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ho cercato di scrivere usando le mie caratteristiche e naturalmente presenta i pro e i contro

      Elimina
  15. Bravo Ferru, un racconto davvero avvincente. Come "neo umano" Sniper mi dà l'idea di un bambino che sta crescendo... Mi piace!!

    RispondiElimina
  16. Sniper non mi piace tanto. E' poco caratterizzato qui ancora, ma credo sia per via del limite delle parole. Invece Alexsej Stakanov è sempre un figo!!

    RispondiElimina
  17. Secondo me vi siete trovati bene te e Cily a spezzare un po' il ritmo.

    RispondiElimina